"Gusto olfattivo"? Occhio all'essenza giusta!

Cosa rende un odore gradevole o sgradevole? Da cosa dipendono le preferenze olfattive?

Il gusto olfattivo è solo innato o legato anche a fattori esterni all’individuo? Cambia da gruppo a gruppo? Sono domande fondamentali da porsi prima di dar vita a prodotti e messaggi “odorosi”. Occhio! Le preferenze olfattive dei consumatori risultano di grande importanza nel determinarne il successo di un'azione di marketing e/o di comunicazione. Da numerosi studi sull’olfatto emerge che la sensazione che induce al gusto e al disgusto non è semplicemente meccanica o innata ma dipende anche da altri fattori legati all’esperienza, alla familiarità, alla psicologia e alla cultura. Nella sensibilità agli odori “sgradevoli” influisce moltissimo la componente sessuale (le donne sembrano essere più sensibili dell’uomo) e l’età (i meno sensibili risultano essere i più giovani, quelli invece più preoccupati degli odori ritenuti sgradevoli sono i soggetti fra i 25 e i 35 anni). Le preferenze olfattive si acquisiscono in uno stadio relativamente tardivo dello sviluppo: nel corso di interessanti ricerche si è osservata nei bambini una sorprendente tolleranza agli odori che per gli adulti sono molto sgradevoli.